Iperaldosteronismo

Iperaldosteronismo
Indice

Definizione

Aldosterone

L’iperaldosteronismo primitivo è una delle cause più importanti di ipertensione secondaria, spesso misconosciuta.

Causa una severa ipertensione arteriosa da un eccesso di aldosterone, che porta a trattenere sodio e acqua.

L’aldosterone, normalmente, è prodotto in risposta alla renina, prodotta dal rene in seguito alla ‘percezione’ di stati di bassa pressione o diminuzione di liquidi corporei; quando aumenta la renina aumenta l’aldosterone, e questo suo aumento causa una diminuzione della renina, in un cosiddetto feedback.

L’iperaldosteronismo primitivo è così denominato perché è l’aumento di aldosterone indipendente dallo stimolo della renina a determinare la patologia; la renina risulta bassissima in questa condizione.

I sintomi dell’iperaldosteronismo primitivo

Iperaldosteronismo sintomi

Pochi sintomi sono specifici della condizione, tra cui spicca sicuramente una grave ipertensione che richiede molti farmaci per essere controllata, anche in persone relativamente giovani; un altro sintomo importante è rappresentato dalla carenza di potassio, l’ipokaliemia, o meglio da ciò che questa comporta, ossia:

  • debolezza muscolare;
  • cefalea;
  • crampi;
  • palpitazioni;
  • sete eccessiva;
  • frequente bisogno di urinare.

Le cause dell’iperaldosteronismo primitivo

L’iperaldosteronismo primitivo è solitamente di interesse chirurgico perché nella gran parte dei casi è causato da un adenoma, ossia un tumore benigno che secerne aldosterone in eccesso. In caso di adenoma ipersecernente aldosterone, la patologia è anche detta sindrome di Conn.

Un’altra causa di iperaldosteronismo primitivo, più rara, è l’iperplasia surrenale.

È una patologia in cui non si hanno tumori ma una crescita esagerata delle ghiandole surrenali, che possono secernere ormoni in eccesso; anche in questo raro caso, il trattamento è solitamente chirurgico, con la rimozione di un surrene o di un surrene più parte dell’altro.

Ancor più raramente, la condizione potrebbe dipendere da un carcinoma surrenale.

La diagnosi di iperaldosteronismo

Molti pazienti possono presentare solo un eccesso di aldosterone senza ipokaliemia, motivo per cui è bene dosare aldosterone e renina.

I pazienti ipertesi, soprattutto se con ipokaliemia o con ipertensione resistente ai farmaci, vanno sottoposti a varie analisi per valutare il loro stato ormonale.

Vanno dunque dosati l’aldosterone (sierico e urinario), la renina, il rapporto fra aldosterone e renina, il potassio sierico e urinario, altri elettroliti.

Quanto allo studio tramite immagini, l’iperaldosteronismo primitivo è spesso dovuto a masse piccole, adenomi di pochi centimetri che possono essere studiati tramite TAC o risonanza magnetica; un ulteriore esame che può essere richiesto è la scintigrafia surrenalica.

La cura dell’iperaldosteronismo

Iperaldosteronismo intervento chirurgico

In caso di adenoma ipersecernente aldosterone, iperplasia surrenale e carcinoma surrenale, dunque, la chirurgia risulta la terapia di scelta e risolve sia l’ipertensione che l’ipokaliemia.

Condividi il contenuto

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Condividi su email

scopri di più

Surrene
Chirurgia
Contatti